You are here: Home // Campagne // Agrigento dice no al Contributo Scolastico!

Agrigento dice no al Contributo Scolastico!

L’anno scorso nei licei ‘Politi’ e ‘Leonardo’ si è portata avanti la campagna contro il contributo scolastico volontario. Già allora si scatenò la repressione contro chi non lo aveva pagato. La situazione allo ‘Sciascia’, altro istituto agrigentino, è per certi versi analoga alle precedenti: il preside non fa chiarezza sul contributo, non spiegando a cosa serve e molte volte presentandolo come obbligatorio. Noi ci battiamo per far sì che il contributo non venga pagato. Che il contributo ammonti a 50 o 300 euro non importa: la Scuola Pubblica deve essere finanziata dallo Stato, è un vero e proprio delitto scaricare sule spalle degli studenti e quindi delle famiglie il del mantenimento dell’istituto.

Ma sostanzialmente cos’è il contributo volontario?

Sono soldi che le scuole chiedono alle famiglie per migliorare l’offerta formativa. In molte scuole la parola volontario viene omessa e quindi si obbligano gli studenti a versare soldi in più oltre la tasse di iscrizione, tassa di frequenza, tassa di esame, tassa di diploma, che di per sé ci sembrano già abbastanza. Di questo passo presto arriveremo al punto in cui chi ha i soldi potrà permettersi di andare a scuola e pagare per attività extracurricolari formative, chi non li ha no.

Noi di Sempre in Lotta non ci stiamo, né ad Agrigento, né nelle altre città in cui siamo presenti. Quest’anno porteremo avanti questa battaglia al liceo Politi, all’I.T.C Leonardo Sciascia e al Leonardo spiegando a cosa serve, perché ce lo impongono e perché non si deve pagare il contributo scolastico volontario. Allo stesso modo Sempre in Lotta proporrà la medesima campagna nelle scuole di tutta Italia, per un’istruzione gratuita, pubblica, laica, di massa e di qualità diffusa u tutto il territorio nazionale.

Tags: ,

Leave a Reply

Copyright © 2009 Sempre in Lotta – Coordinamento studentesco. All rights reserved.
Designed by SempreInLotta. Powered by SempreInLotta.