You are here: Home // Nazionale // Elezioni studentesche: costruisci, promuovi, vota una lista “Sempre in Lotta”

Elezioni studentesche: costruisci, promuovi, vota una lista “Sempre in Lotta”

Anche quest’autunno nelle nostre scuole ci saranno le elezioni per eleggere i rappresentanti degli studenti nei Consigli d’Istituto e nelle Consulte.

Rivendicare il diritto allo studio è una battaglia politica!

Per anni sia a destra che a sinistra è stata portata avanti la favola dell’apoliticismo nel movimento studentesco.

“Fare politica è sbagliato” , “non è per i giovani”, “è inutile”.

Ma non è sembrato né inutile né sbagliato agli studenti che l’anno scorso sono scesi in piazza, occupando le piazze e le scuole e hanno così respinto un ulteriore attacco all’istruzione. L’unico modo che hanno gli studenti per decidere sulla propria scuola e tentare di migliorarla è appunto quello di partecipare attivamente, cioè di fare politica. Le elezioni studentesche sono uno dei momenti in cui la politica entra nelle scuole dalla porta principale, coinvolgendo attivamente gli studenti.

Qual è il nostro programma?

Il Coordinamento Studentesco Sempre in Lotta difende e rivendica un diritto all’istruzione degno di questo nome ogni giorno e promuove la sua piattaforma in ogni singolo istituto anche attraverso la campagna elettorale per le elezioni studentesche.

Il nostro programma è chiaro: vogliamo una scuola che sia pubblica, gratuita, di massa e di qualità.

Per questo lottiamo per:

  • La gratuità dei libri di testo, attraverso politiche di comodato d’uso;
  • Per l’introduzione nella scuola di corsi di recupero efficaci e gratuiti a cui possano accedere tutti gli studenti senza essere costretti a pagare costosissime ripetizioni esterne;
  • Tetto massimo di 20 alunni per classe. Basta con le classi pollaio!
  • Per l’abolizione di ogni forma di reressione e autoritarismo, altro che tornelli elettronici all’ingresso di scuola, assemblee negate, e minaccia del 5 in condotta
  • L’abolizione dell’insegnamento della religione cattolica, l’unica che pare intoccabile mentre tagliano le altre ore, accorpano le classi, aumentano i precari della scuola; ricordiamo che gli insegnanti sono scelti dalla curia e pagati dallo stato. La scuola deve essere laica.
  • Rifiutiamo il pagamento dei contributi scolastici, nessuna discriminazione per gli studenti non paganti: l’istruzione è un diritto di tutti e in quanto tale deve essere gratuito;
  • Gratuità dei trasporti per gli studenti, i lavoratori e i disoccupati, mentre con la privatizzazione del trasporto pubblico aumenta sempre di più il costo per spostarsi, non solo per andare a scuola, ma per vivere.
  • Il raddoppio immediato dei finanziamenti destinati alla scuola pubblica. I soldi si prendano dai finanziamenti alla scuole private, dall’8 per mille alla chiesa cattolica, dalle spese militari e dal rifiuto del pagamento del debito pubblico.

Perchè fare una lista Sempre in Lotta?

Troppo spesso i diritti degli studenti non hanno una voce dentro le scuole. Promuoviamo le liste Sempre in Lotta perché ci possano essere dei rappresentanti di istituto o in consulta che usino gli strumenti a loro disposizione per difendere il diritto allo studio, convocando assemblee, informando gli studenti su quel che succede, portando negli organismi le battaglie degli studenti, coordinandosi con le altre scuole. Questo però è solo l’inizio. Sappiamo che un rappresentante di istituto o in consulta non potrà ottenere tutto questo da solo, anche per lo scarso peso che gli studenti hanno negli organismi decisionali. È importante quindi che tutti gli studenti si mobilitino e partecipino alla costruzione di un collettivo interno alla scuola che affianchi il rappresentante d’istituto e discuta democraticamente cosa si deve fare dentro e fuori la scuola. Solo attraverso il coinvolgimento di tutti gli studenti e ancor di più il coordinamento fra tutte le scuole si può mettere in campo un movimento che, unendosi alle proteste dei lavoratori, possa fare la differenza e cambiare la società. Le occupazioni delle scuole di pochi mesi fa hanno dimostrato che quando gli studenti si uniscono possono respingere le riforme peggiorative del governo. Le mobilitazioni della Turchia e dell’Egitto hanno dimostrato che quando gli studenti si uniscono ai lavoratori non c’è manganello che possa fermarli, e la loro forza può bloccare qualsiasi attacco.

Vincere è possibile, ma per farlo bisogna organizzarsi e lottare. Fallo con noi!

Contattaci per presentare una lista “Sempre in Lotta” alle prossime elezioni di istituto!

Scarica il nostro materiale:
Programma di Sempre in Lotta              Clicca qui
Volantino delle liste in formato A5      Clicca qui
Vademecum dello studente                     Clicca qui 

Leave a Reply

Copyright © 2009 Sempre in Lotta – Coordinamento studentesco. All rights reserved.
Designed by SempreInLotta. Powered by SempreInLotta.