You are here: Home // Territori // Crema: comunicato stampa di Sempre in Lotta in difesa del Pacioli

Crema: comunicato stampa di Sempre in Lotta in difesa del Pacioli

Nelle scorso settimane come Sempre in Lotta – Coordinamento Studentesco abbiamo sviluppato una campagna contro i contributi scolastici. Questi contributi nascono dai tagli ministeriali all’istruzione pubblica che minano la sopravvivenza delle scuole. Per questo riteniamo primi responsabili i governi che hanno attaccato il diritto allo studio in questi anni, compreso l’ultimo. Non è però accettabile che le scuole scarichino l’attacco verso il basso, cioè verso le famiglie.

A maggior ragione è inaccettabile che diverse scuole presentino i contributi, che per legge sono volontari, come obbligatori o minaccino discriminazioni nei confronti degli studenti che non li paghino. Si tratta di un’evidente negazione del diritto allo studio e di una aperta selezione di classe degli studenti.

Ciò è avvenuto all’I.t.s “L. Pacioli” di Crema, dove si è minacciato l’impedimento all’utilizzo delle postazioni dei computer e della rete internet agli studenti non paganti.

Inoltre si è verificato un attacco ai diritti democratici degli studenti. Infatti, prima della scadenza del pagamento dei contributi, è stata negata un’assemblea dei rappresentanti di classe richiesta dai rappresentanti d’istituto degli studenti per discutere del problema dei contributi; poi il preside ne ha convocata una uguale ma imponendo la presenza del Presidente del Consiglio d’Isituto e vietando quella dei rappresentanti degli studenti. A questa assemblea i rappresentanti di classe hanno deciso di non presentarsi per protestare contro l’atteggiamento autoritario.

Successivamente, sono girate voci sull’intenzione, da parte dell’amministrazione scolastica, di restringere le possibilità di riunione e di discussione per gli studenti.

Di fronte a tutto ciò,

-esprimiamo piena solidarietà agli studenti che non hanno pagato il contributo scolasttico, al Pacioli di Crema come in tante altre scuole.

-ribadiamo che il contributo scolastico è una violazione del diritto allo studio e come tale deve essere annullato. Lo Stato deve farsi carico di finanziare adeguatamente l’istruzione pubblica. Le scuole non devono scaricare sugli studenti e le famiglie il peso degli attacchi all’istruzione ma devono imporre al ministero un aumento dei finanziamenti.

-diffidiamo l’amministrazione scolastica del Pacioli dal prendere provvedimenti discriminatori nei confronti degli studenti che non hanno pagato il contributo. Segnaliamo che ciò è peraltro espressamente vietato dalle ultime circolari ministeriali.

-diffidiamo allo stesso modo dal prendere provvedimenti restrittivi delle libertà democratiche, di riunione, di assemblea degli studenti nell’istituto.

Nel caso in cui ciò avvenga, ci attiveremo immediatamente sfruttando i canali informativi, legali e mobilitativi per impedirlo.

Sempre in Lotta – Coordinamento Studentesco

Leave a Reply

Copyright © 2009 Sempre in Lotta – Coordinamento studentesco. All rights reserved.
Designed by SempreInLotta. Powered by SempreInLotta.