You are here: Home // Contro il Ddl gelmini // DDL al Senato? E ora?La lotta continua!

DDL al Senato? E ora?La lotta continua!

Lo scorso martedì 30 novembre, dopo un giornata di lotta nelle piazze di tutta Italia, in serata alla Camera è stato approvato il ddl Gelmini, ora tocca al Senato ratificarlo. La lotta del movimento studentesco non può fermarsi ora, il processo di smantellamento dell’università pubblica sembrerebbe inarrestabile, in quanto da vent’anni sia governi di centro-destra che di centro-sinistra agiscono in una sola direzione: la privatizzazione progressiva della scuola e dell’università pubblica. La contro-riforma comporta notevoli peggioramenti non solo per gli studenti ma anche per tutte le figure lavorative che trasversalmente vivono le università, dai ricercatori al personale tecnico amministrativo. I tagli che essa comporta presentano costi salatissimi. Questo attacco finale avviene dopo gli eclatanti effetti disastrosi dei tagli previsti dalla 133: ricordiamo meno 7,6 miliardi di euro in quattro anni, si sono tradotti in 130.000 posti di lavoro in meno. Ciò ha comportato e comporterà una serie di conseguenze devastanti per gli studenti che sono figli di lavoratori dipendenti, che già da quest’anno dovranno affrontare non solo tasse sempre maggiori, ma in ultima analisi un aumento dei costi per il diritto allo studio. L’esempio più grave è che gli studenti, anche se con i requisiti di reddito e di merito, non potranno più accedere alle borse di studio che quest’anno vengono tagliate ulteriormente rispetto al passato, tenendo presente che altri servizi relativi al diritto allo studio: come le mense e le agevolazioni per i trasporti, già sono stati cancellati negli anni scorsi.

SCARICA IL VOLANTINO IN ZIP

Il governo, utilizzando la crisi economica come scusa, da un lato taglia in maniera indiscriminata i finanziamenti alle università pubbliche operando così una vera e propria selezione di classe, mentre dall’altro continua a finanziare lautamente le università private, che ricevono circa 90 milioni di euro dallo Stato. Il diritto allo studio non è il solo ad essere pesantemente attaccato. La situazione dei lavoratori dell’università non è sicuramente migliore. I ricercatori, infatti, diverrebbero figure professionali esclusivamente a tempo: potrebbero essere assunti con contratti di lavoro triennali, rinnovabili una volta. In seguito, nel caso in cui non dovessero riuscire a diventare professori associati, si troverebbero fuori dall’Università. Quest’ultimo attacco all’istruzione pubblica non può passare nel silenzio generale. Alzare la testa di fronte allo smantellamento dell’università significa difendere anche il nostro futuro e la possibilità di avere un lavoro dignitoso domani. Oggi lottare per il diritto allo studio passa per la necessità di tutelare il diritto al lavoro, messo seriamente in discussione. É quindi fondamentale unire tutte le lotte che sono presenti: dalla lotta degli operai della Fiat che dicono no alla schiavizzazione voluta da Marchionne, alla lotta dei ricercatori dell’università e dei precari della scuola che si oppongono al licenziamento di massa più grande che la storia del nostro paese ricordi.

Sono questi i motivi che spingono molti studenti a mobilitarsi. Resta fondamentale in questo percorso di mobilitazione studentesca che le decisioni vengano prese in maniera democratica e trasparente. È necessario che tutti gli studenti che vogliono opporsi allo stato di cose presenti siano parte integrante della mobilitazione e protagonisti delle decisioni che vengono prese. In questo indispensabile è invertire alcune delle pratiche in atto. Vitale è che ogni proposta sia votata dagli studenti e che le decisioni vengano prese solo se la maggioranza degli studenti le appoggia.

FERMIAMOLI!

COMITATO IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA

COORDINAMENTO STUDENTESCO UNIVERSITARIO

 

1 Response to " DDL al Senato? E ora?La lotta continua! "

  1. […] a vedere articolo:  DDL al Senato? E ora? LA LOTTA CONTINUA? Articoli correlati: Università, si del Senato al DdL […]

Copyright © 2009 Sempre in Lotta – Coordinamento studentesco. All rights reserved.
Designed by SempreInLotta. Powered by SempreInLotta.